La cruna dell’ago

25 02 2010

Dopo oltre 1500 film visti in 10 anni, da che ne tengo un archivio, è difficile ricordarsi a memoria quelli già visti, ma qui si tratta di un’altra cosa: nel mio percorso di appassionato a volte le passioni svaniscono e a volte nascono; nel leggere di cinema nei blog dei miei colleghi può nascere la curiosità per un film già visto, ma che puoi “rileggere” per altri motivi. E’ il caso de La cruna dell’ago. C’è Donald Sutherland, c’è la storia di spie, c’è l’inserimento di quest’ultima durante la seconda guerra mondiale, alla vigilia dello sbarco in Normandia. Si parla del primo tedesco a sapere del D-Day, quindi lo spunto è bellissimo, ma…uno dei soliti ma di chi scrive: il conflitto è foriero di film di guerra, naturale, di film drammatici, ok, anche di commedie, di avventure, insomma è pieno, purtroppo, di storie da raccontare…qui si spreca tutto per una storia d’amore, per uno svolgimento drammatico, con un’ambientazione favolosa, quella delle isole con faro annesso e dei personaggi che vengono immotivatamente fatti fuori in quattroequattrotto. E’ un peccato per un film che dovrebbe appartenere al genere spionaggio.


Azioni

Information

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: