The illusionist

13 12 2009

Volevo continuare a scrivere di film lontano dai soliti generi, ma il mio dvd-recorder non è d’accordo: ho perso diversi film per colpa sua, e mi tocca tornare alle commedie, ai film drammatici…

Un film del genere è fatto di un colpo di scena, inevitabile quando si parla di illusionisti, ma anche di effetti speciali. Ora, il plot è quello che è (e salverei solo Jessica Biel) ma mi sono anche posto alcune domande; si deve fare una riflessione sulle possibilità che la fotografia, la messa in scena, le scelte di regia e, appunto, gli effetti speciali permettono. Personaggi del genere, all’inizio del secolo, non usavano cose del genere nei teatri? Può essere questo meta-cinema? Pensateci se avete visto The illusionist e se amate il cinema come me.

Annunci

Azioni

Information

2 responses

13 12 2009
Felinità

Ma si che lo è, qui con patinatura furbesca, anche se piacevole per uno svago,
altrove a livelli altissimi, come parlare di cinema facendo un film che racconta di un film in costruzione che sia 8 e mezzo o Effetto Notte, come un libro come Il nome della rosa che parla di trovare un libro citando continuamente altri libri. Giochetti, ma anche saper fare . Bye bye Gegio

13 12 2009
agegiofilm

Non farei paragoni con i film che hai citato, ma uno come Enrico Ghezzi l’avrebbe detto senz’altro. Gli ho tolto il copyright sulle parole???

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: