Uomini che odiano le donne

8 10 2009

Un finale così lungo non lo ricordavo dai tempi de Il signore degli anelli – Il ritorno del re: dovuto, ma strano, come la durata di un thriller, 2h e 26m, in cui i livelli di paura, amoralità e voyerismo salgono e scendono drammaticamente. Se l’inizio del film, con la storia di Blomkvist, si parte quasi normalmente (qualcuno mi dica che c’è un prequel…), si alzano i toni con la storia di Lisbeth, in cui ci sono le scene più violente (e lì capisco perché Tarantino era interessato a un remake). Si continua poi tra ricconi con problemi familiari, si prosegue con la scoperta di collegamenti tra degli omicidi, fino a tornare al punto di partenza, in cui domina il nichilismo; ci sono poi continui riferimenti alla storia della Svezia, dove è ambientata la storia. Se per i romantici ricordi di una certa passione per il giornalismo devo stare dalla parte di Mikael, devo ammettere che Lisbeth fa una certa figura (quante donne si sono identificate nella scena di sesso tra i protagonisti?): le brave ragazze vanno in paradiso, mentre quelle cattive vanno dappertutto, diceva qualcuno…

Comunque era da tempo che non apprezzavo un thriller…

P.S. Nella pagina del mio blog su Facebook avevo annunciato con il trailer (più semplice inserirli lì, dove cercherò in futuro di sviluppare contenuti aggiuntivi o diversi rispetto al blog…) di Quantum of solace la recensione del film di 007, ma non ricordavo di aver noleggiato il film del titolo…


Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: