Il marchese del grillo

8 06 2009

Ci sono tre cose che mi fanno tentennare nel conservare questo film, tutte positive: l’ambientazione storica, in una Roma nelle fauci di Napoleone, con un protagonista nobile vicino al Papa di allora, cacciato dalla capitale anche per colpa sua (ma il marchese è esistito davvero?); Alberto Sordi, ormai superati gli anta, che a nella Roma dell’800, nel combinare scherzi, nel vivere nel lusso, forse si è trovato benissimo; Alberto Sordi, per cui gli sceneggiatori hanno avuto un’idea bellissima, quella del sosia, forse mai impiegata meglio nel cinema italiano. Non siamo ai livelli di Amici miei, al quale deve moltissimo, e non riuscirò mai a capire perché sia diventato così di culto, ma è stata una piacevole sorpresa. Magari la prossima volta che lo trasmettono in tv migliorerò la mia opinione.


Azioni

Information

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: