Big fish – Le storie di una vita incredibile

29 05 2009

Scena più visualizzata su Youtube: Un collage…

Parole memorabili: A furia di raccontare le sue storie, un uomo diventa le sue storie.

Regia: Non ho mai amato tanto Tim Burton, anche se le continue sperticate lodi mi portano ogni volta a vederne i film. E’ successo anche questa volta, e devo dire che Big fish, essendo diverso da ogni suo altro film, come affermato in diverse occasioni, è la sua migliore regia. Certo si trovano diversi suoi elementi, e qualche volta se non ha scopiazzato, almeno ci regala delle citazioni sorprendenti: perché riprendere altrimenti Forrest Gump???

Attori: Quale preferire tra i protagonisti? Albert Finney me lo ricordavo da Erin Brockovich, anche se so ha fatto altri bei film. Qui è immenso, ma se penso che la parte doveva andare a Jack Nicholson…Ewan McGregor si è preso tutte le scene migliori, quelle più assurde, dove si spiegano le avventure che in un film di Tim Burton possono anche essere credibili (il mio grado di sospensione dell’incredulità si è notevolmente abbassato), e a volte ruba la scena a Finney. Chi invece è letteralmente in disparte è il figlio, Billy Crudup, che su Filmtv dicono reciti sottotono; a mio parere il suo personaggio dimostra soprattutto invidia più che incredulità e mal sopportazione del padre. Dimenticavo: Helena Bonham Carter è bellissima coi capelli in disordine, ma non dovrei scriverlo.

Soggetto e sceneggiatura: Raccontare incredibili storie vissute, senza il problema della morte, questo in sintesi è il film: chi ha scritto la sceneggiatura si è liberato subito del fardello della morte del protagonista, vecchio e giovane, quindi il coraggio che gli hanno dato nell’affrontare le avventure è quasi impossibile. Ma oltre a questo, come in ogni altro film, si raccontano storie, essenza del cinema, e l’inventiva non è certo mancata. A me risulta simpatica l’incredulità del, sottolineo, figlio giornalista, e gli sbuffi che Edward Bloom fa quando non gli si crede.

Dialoghi: Irresistibili.

Colonna sonora: Ho riconosciuto la citazione da Un tranquillo week-end di paura, ma per il resto non ricordo niente.

Effetti speciali: Tim Burton ha scelto di non ricorrere al digitale, ma è veramente mirabile la scelta della prospettiva per il gigante.

Tecnologia nel film: Mi chiedo che ci fa una mano simil-Terminator nel film…

Fotografia: La scena degli asfodeli riassume tutto.

I miei Oscar: Sceneggiatura, Albert Finney.

Libro: Big fish di Daniel Wallace.

Citazioni: Anche se non si capisce una mazza di cinema, senz’altro si carpiscono alla grande.

Schede: Filmtv, Mymovies, Wikipedia, IMDB.

Sondaggio:

Stesso genere: Forrest Gump

Meglio di, peggio di: Meglio de Il pianeta delle scimmie, peggio di forse altri film di Burton.

Notizie su attori e regista: McGregor dovrebbe perdere i sensi nel prossimo film di David MacKenzie. Albert Finney disperso. Tim Burton ha in programma un film su Alice nel paese delle meraviglie.

Riflessioni e ricordi: Durante la scrittura di questo post mi è venuta in mente la serie Pushing diasies…

Annunci

Azioni

Information

One response

29 05 2009
the Tramp

Ero molto scettico su questo film e per molto tempo non l’ho visto. Poi mi è capitata l’occasione: man mano che la vicenda si sviluppava non avevo un’ottima impressione, ma al termine del film sono rimasto sorpreso e compiaciuto. A me Burton piace sempre di più, anche se ammetto che realizza sempre pellicole particolari.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: