La grande illusione

26 02 2009

Scena più famosa: L’inno francese cantato dai prigionieri o la morte del capitano francese:

Parole memorabili: “Bisogna finire questa guerra, no? Speriamo che sia l’ultima”

“Oh, non ti fare illusioni, ritorna alla realtà”.

Regia: Fino a poco tempo fa Renoir faceva parte dei registi inavvicinabili, come Lynch, Rohmer e pochi altri che non ho mai avuto il coraggio di affrontare. Benvengano adesso anche gli altri suoi film!

Attori: Adesso so chi è Jean Gabin.

Soggetto e sceneggiatura: Siamo nel ’37, tra una guerra mondiale e l’altra, si parla di Germania, in pieno nazismo, e anche l’Italia non stava troppo bene…In quel periodo Renoir scrive un film che si inserisce in un periodo quindi non troppo facile per il pacifismo, anche se dopo 72 anni ha ancora da insegnare… La grande illusione ha avuto anche molti problemi di distribuzione, anche nel nostro paese, anche se aveva già vinto a Venezia.

Dialoghi: Non ho mai capito i dialoghi in inglese tra i capitani.

Colonna sonora: La Marsigliese cantata in teatro ricorda la scena finale di Orizzonti di gloria.

Tecnologia nel film: Il massimo che si poteva pretendere era un grammofono.

I miei Oscar: Sceneggiatura

Gli Oscar veri: Ha vinto a Venezia il Gran premio della giuria.

Schede: Filmtv, Mymovies, Wikipedia, IMDB

Sondaggio:

Stesso genere: Orizzonti di gloria

Meglio di, peggio di: Alla pari con Orizzonti di gloria.

Notizie su attori e registi: Se ne sono tutti andati…

Riflessioni e ricordi: Mi ha colpito moltissimo questo film, non solo per l’ennesimo tentativo di fuga, elemento che mi è sempre piaciuto nei fil, ma anche per l’attualità del tema e la consapevolezza che si facevano ottimi film anche prima degli anni ’50, prima dei quali, fino a qualche tempo fa, non guardavo nessun film.

Annunci

Azioni

Information

2 responses

13 11 2009
Buzzino

“…la consapevolezza che si facevano ottimi film anche prima degli anni ‘50…”.
A questo proposito mi permetto di consigliarti la visione di un film che tratta di un serial-killer pedofilo ricercato dalla polizia, catturato dalla criminalità organizzata, condannato a morte dalla cittadinanza… Anno: 1931, paese: Germania. Nonché di altri film dello stesso regista che non ti svelo perché forse lo hai già scoperto e, se no, puoi divertirti ad indovinare. Non è difficile :)

Complimenti per il sito.

14 11 2009
agegiofilm

M – Il mostro di Dusseldorf??? Troppo facile. Devo ancora vederlo, ma avendone sentito tanto parlare in giro non posso che dedicargli una mia “recensione” estesa in un prossimo futuro, quando aggiornerò la mia Top 100.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: