Turista per caso

10 01 2009

Scena più famosa: I viaggi spiegati

Parole memorabili: In viaggio, come d’altronde nella vita, il meno è quasi sempre il meglio

Regia: Lawrence Kasdan ha firmato molte buone sceneggiature, per Lucas e per Spielberg ha scritto ad esempio Il ritorno dello Jedi e I predatori dell’arca perduta, ma ha diretto anche Il grande freddo, quindi non è uno qualsiasi. Qui si giostra tra i sentimenti e le emozioni contrastanti che provoca questo film: si ride, si piange, si pensa, si immagina di viaggiare. Devo capire perché indugia sempre sulle scarpe dell’ammaestratrice di cani…

Attori: Fino all’ultimo ho pensato che Kathleen Turner avvelenasse William Hurt, forse perché lei per me è solo la moglie di Michael Douglas in La guerra dei Roses…William Hurt è perfetto per la parte, ma chi non si dimentica sono i suoi fratelli, che con la loro eccentricità e il loro snobismo regalano scene indimenticabili. Potrebbe invece risultare eccessivo l’Oscar attribuito a Geena Davis, brava nell’ammaestrare anche Hurt.

Soggetto e sceneggiatura: Come al solito siamo al guizzo di genio dello sceneggiatore, qui anche regista, che dopo questo film non ha fatto di meglio. Una mosca bianca negli anni ’80…

Dialoghi: Divertenti quelli tra i fratelli, ma anche tra Muriel e il cane.

Tecnologia nel film: Ho passato diverso tempo a domandarmi in quale epoca sia ambientato il film: la macchina da scrivere è ciò che ci si aspetta da uno scrittore del genere, e l’unico segnale del progresso sembra essere il telefono al quale i fratelli non rispondono mai.

I miei Oscar: Sceneggiatura naturalmente

Gli Oscar veri: Geena Davis come attrice non protagonista

Libro: I libri di Macon sembrano perfetti per me

Schede: Filmtv, Mymovies, Wikipedia, IMDB

Prosecuzione delle vicende: Dal finale sembrano peggiori di quanto pensassi.

Sondaggio:

Meglio di, peggio di: Meglio di molti film degli anni ’80, peggio forse di Il grande freddo.

Stesso genere: Il grande freddo

Riflessioni e ricordi: La cosa che mi ha colpito di più del film è la poltrona con le ali: le comodità di casa anche in viaggio, per il quale non vorrei mai portarmi dietro niente oltre ad una valigia come quella del protagonista.

Annunci

Azioni

Information

2 responses

11 01 2009
amosgitai

Ciao, ho visitato il tuo blog e l’ho trovato particolarmente interessante. Volevo chiederti se ti interessa fare uno scambio link con il mio blog sul cinema e i viaggi, le mie passioni.
Consiglio di visitarlo e farmi sapere!
CINEMAeVIAGGI
http://amosgitai.blogspot.com
A presto!

11 01 2009
agegiofilm

Ok, ti metto in blogroll insieme a tutti quelli che sono passati di qui

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: