Incontri ravvicinati del terzo tipo

8 12 2008

Scena più famosa: Il finale? Io ho nel cuore quella della realizzazione della scultura in casa di Roy.

Battute memorabili: “Io la invidio” detta da Truffaut a un attore quasi emergente in un film di Spielberg…

Attori: Dreyfuss è straordinario nel personificare uno che ha avuto contatti con gli Ufo, forse senza la sua aria da matto il film non sarebbe stato lo stesso.

Sceneggiatura: Considero questo il primo vero film di Spielberg, che infatti ne ha scritto soggetto e sceneggiatura.

Dialoghi: Perfetti quelli che ritraggono la famiglia di Roy all’inizio del film

Colonna sonora: Le note del messaggio degli alieni sono per fama poco al di sotto della colonna sonora de Lo squalo.

Effetti speciali: Eccezionali? Storici? Costosi? Forse, comunque meravigliosi.

Fotografia: Belle le riprese notturne, in cui c’è un cielo più che stellato, quasi finto. Anche nella parte finale puoi dirti che Vilmos Zsigmond può essersi meritato l’Oscar.

I miei Oscar: Dreyfuss, scenografie ed effetti speciali.

Gli Oscar veri: Fotografia e premio speciale per gli effetti sonori.

Citazioni: Nel mito della fantascienza. Ad un certo punto all’interno del film mi pare che si citi “Intrigo internazionale”.

Altre recensioni: Steven Spielberg su Repubblica

Schede: Filmtv, Mymovies, Wikipedia, IMDB

Prosecuzione delle vicende: Dreyfuss ritorna sulla Terra nella seconda stagione di Taken…magari, eh?

Riflessioni e ricordi: Spielberg riesce ad influenzare anche il modo in cui potrebbero essere considerati gli alieni, che da qui in poi possono essere “buoni” (i cattivi sembrano i militari). Questa è l’affermazione più conosciuta sul film, tanto che in Men in black I o II si prende in giro il regista dicendo che viene da un altro pianeta. Ma c’è molto altro da dire, come ad esempio il fatto che al di là degli alieni conta la meraviglia per chi guarda il film (quasi simile a quella di Roy…), al di là degli effetti speciali, che possono sembrare più o meno datati. E’ la storia, il plot del primo contatto che non è stato mai sviluppato meglio (posso ricordare Taken, prodotto dallo stesso Spielberg, e per altri motivi anche Men in black); penso che un ventenne di adesso, abituato alla Playstation o agli effetti speciali sviluppati al computer, non faccia fatica a guardare questo film.


Azioni

Information

2 responses

9 02 2009
cinemaleo

Oggi, in questo clima guerrafondaio che sembra dominare, il film con il suo messaggio di pace, di fratellanza, di accettazione dei diversi è quanto mai attuale.

Per quanto mi ricordi, questo di Steven Spielberg (suoi anche soggetto e sceneggiatura) è il primo film fantascientifico non angoscioso e con la sua miscela di ordinaria quotidianità, di effetti speciali rutilanti, di aspettative ed emozioni degne di un vero e proprio thriller risulta essere qualcosa che al cinema non si era mai visto.

9 02 2009
agegiofilm

Esatto Leo, gli alieni non erano più cattivi…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: