The Blues brothers

2 11 2008

Come per tanti film visti dopo aver aperto il blog, anche The Blues brothers si è visto cambiare i connotati: ai miei occhi è partito come film cult da ragazzino, perlopiù per il passaparola, per poi passare a film foriero di stimoli musicali, per cui ho passato una fase in cui ho approfondito il soul; poi si è trasformato in antidepressivo naturale, ed infine è arrivato alla fase del must, per cui ultimamente quasi ad ogni Natale era riproposto da Mediaset. Ora è una conferma di tutto questo, per cui mi sono fatto il dvd collector’s edition (9.90 euro).

Questa volta è stato diverso dicevo: innanzitutto non riuscivo a capire come mai l’inizio del film fosse in inglese, quando, dopo vari tentativi di cambiare la lingua di sottotitoli e del parlato, mi sono accorto che quella scena non l’avevo mai vista: avevo messo il dvd giusto, ma conoscendo il film quasi a memoria non me lo ricordavo così; vedermi Jake che si sveglia a fatica anche l’ultimo giorno di prigione mi ha fatto ridere, ed ho iniziato a gustarmi le scene inedite del nuovo montaggio. Come già scritto lo conosco a memoria, e vedere certe scene o ascoltare certe canzoni (Ray Charles che in Shake a tail father anticipa in qualche modo il Gioca jouer di Cecchetto, ragionando a posteriori…) mi ha fatto molto piacere, ma sono arrivato ad una conclusione: l’insulsaggine, l’incoerenza, l’idiozia e il non-sense di alcune scene (mettiamoci il dispiegamento immane di forze militari nel finale, o l’inseguimento che dura tutta la notte, ma anche gli inizialmente inspiegati tentativi di omicidio da parte della sposa delusa, Carrie Fisher, e i vari rialzare la testa dei fratelli) sono tutte caratteristiche che possono essere giustificate dal fatto che i protagonisti sono in missione per conto di Dio, e tutto il resto, se non è collegato al fine di salvare l’orfanotrofio, è secondario.  Da questo punto di vista sembra pure un film religioso…

Ho conosciuto John Landis con Una poltrona per due, poi è venuto Ai confini della realtà, per ultimo è venuto questo film. Ora mi sto chiedendo che combina, perché uno come lui non può e non deve rimanere fermo…fermo da 10 anni, dal brutto secondo capitolo dei Blues, se si eccettua un film del 2005 che non ha neanche una scheda su Filmtv…

Annunci

Azioni

Information

2 responses

3 11 2008
Neil

eila ciao!

sono tornato momentamente! come stai? tutto bene?

sui blues brother nulla da dire, semplicemente mitici!

è iniziata la prima semifinale del mondiale vai a votare quando puoi!

un saluto:)

3 11 2008
agegiofilm

Arrivo subito…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: