Fahrenheit 451

10 08 2008

Pensavo di aver letto il libro di Bradbury da ragazzino, ma mi sbagliavo. Però il film è diventato un piccolo mio cult nella tarda adolescenza, quando per me i libri erano molto importanti. A parte la solita retorica sull’importanza della letteratura, e la critica ad un certo tipo di tv, quella cretina e poco cerebrale, c’è da dire che Truffaut ha preso in mano una sceneggiatura piuttosto originale per lui, abituato ad altri generi cinematografici. C’è chi dice che è uno dei suoi film peggiori, ma c’è tanto su cui ragionare (e scrivere). Rivedendolo ho notato due cose: le musiche di Bernard Herrman, riconoscibilissime perché sembra di “sentire” un film di Hitchcock, e la messa al rogo di Cahiers du cinema, rivista dove lavorava il regista.  Continuo a tenerlo perché è un tassello della mia vita in film.


Azioni

Information

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: