La trilogia del dollaro

8 01 2008

Ovvero i western di Sergio Leone con Clint Eastwood. Nella visione di questi film sono andato a scendere in bellezza: sono partito da Per un pugno di dollari, dove Clint, o l’uomo senza nome, o Lo straniero si divide tra due famiglie di delinquenti, e cerca così di fare più soldi possibile. Sono poi passato a Il buono, il brutto e il cattivo, il film dove si ride di più, ed ho finito con Per qualche dollaro in più, il peggiore dei tre.

Non mi piace il genere western, ma come al solito ci sono le eccezioni: quelli dove gli indiani non sono i cattivi, come Balla coi lupi (che non fa parte della mia videoteca) o Piccolo grande uomo (altro film dove il protagonista cambia spesso fronte). La trilogia del dollaro mi piace perché sembra che la colonna sonora di Morricone faccia da personaggio a sé, che si intromette nei dialoghi, nelle scene, nel montaggio. E sentire i miei colleghi che fischiettano i motivi dei film mi ha fatto incuriosire: alla prima occasione ho registrato i film e li ho conservati.

Poi si può parlare dello spaghetti-western, di Clint con o senza cappello, di Gian Maria Volontè…

Advertisements

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: